sta caricando...

Guardatevi intorno.

Osservate le persone nella vostra vita.Guardate i cambiamenti in voi stessi.

Il mondo non è forse un po’ cambiato rispetto a com’era giusto pochi anni, pochi mesi, o addirittura poche settimane fa? Tutto sembra andare così velocemente che è difficile stare al passo. Qualcosa sta sicuramente accadendo nel mondo, qualcosa di misterioso ed inspiegabile. Potreste anche esserne spaventati a morte. Vedete disastri atmosferici, devastazioni ecologiche, la violenza nella società, il ridicolo nei mass-media.

Siete anche consapevoli che c’è più di uno sparuto numero di convincenti profeti che hanno profetizzato un certa apocalisse per questo periodo, e continuano a farlo.

E quando le grandi catastrofi non arrivano in un determinato momento, allora le spostano semplicemente un po’ più avanti. E più previsioni richiedete loro, più disperati vi sentite, dato che non c’è nessuna pentola d’oro alla fine del loro “arcobaleno”.

Così, per conservare un po’ di sanità mentale, ignorate e screditate spontaneamente quello che vi viene detto, continuando a pianificare il futuro come se niente stesse per accadere. È veramente l’unico modo per andare avanti nella vita quotidiana?


David Wilcock




venerdì 25 gennaio 2008

Il governo Prodi finalmente è caduto!



Il governo Prodi non supera l’esame del Senato.
Palazzo Madama ha respinto la mozione di fiducia presentato dal premier con 161 voti contrari, 156 favorevoli ed un astenuto. Tre senatori non hanno preso parte alla votazione, si tratta di Pallaro, Pininfarina e Andreotti. Subito dopo la lettura dell’esito del voto da parte del presidente del Senato, Franco Marini, tra i banchi del centrodestra è scoppiato l’entusiasmo. C’è anche chi si è portato una bottiglia di spumante.
Dopo soli 21 mesi di divergenze per fortuna Prodi ed i suoi alleati della "finta" maggiornaza si sono arresi ed ha gettato la spugna!
Non potete capire quanto sia contento per questo avvenimento ed ora speriamo si possa realizzare il sogno di un Italia degna di rispetto degli italiani e soprattutto dell'Europa.

8 commenti:

Anna Lisa ha detto...

E gia' si è finalmente chiuso un periodo buio dal quale sembrava non si riuscisse piu' ad uscire,spero che questo martirio sia servito a capire qualcosa alle persone che hanno votato a "caso" e che "casooo" ,la sinistra non ha mai prodotto nulla se non miseria ed è cosi che si trova l'italia oggi in miseria ..quindi adesso si spera nelle elezioni subito per ricostruire l'Italia,ridarle il prestigio che ha perso nei confronti di tutte le nazioni.In bocca al lupo Italia e auguri di pronta guarigione :)

Antonio Bello ha detto...

Hai ragione amore mio....parole sante!

Anonimo ha detto...

Un governo che si reggeva già con i cerotti ha voluto subire l'onta di un tentativo estremo di rimanere attaccato alla poltrona mediante l'acquisto last minute di qualche senatore venduto, vedi cusumano (un suo collaboratore, Filippo Ballanca è stato assunto il 23 gennaio dall' Agecontrol, agenzia che dipende dal Ministero dell'Agricoltura!). Son figure che fa' l'intero paese, non solo il centro sinistra...non bastasse la monnezza e la nomea che generalemte ci portiamo dietro di clientelari e corrotti...di' che ti mando io.. ma per caso conosci qualcuno ecc. ecc.! Quel che importa ora cmq è che sti comunisti son andati a casa, anche se devo ammettere che stavolta son stati quelli che si son comportati più coerentemente all'interno della coalizione, tuttavvia me ne frego..comunisiti sono e tali rimarranno. Ma soprattutto ci siam tolti dai piedi quella faccia di miserabile di un "romano" chella faccia e' cazz' 'e rutelli e compagnia bella. Molti ora, a destra e a sinistra, temono il VELTRUSCONI, l'accordo tra i primi due partiti per una legge elettorale che estrometta i piccoli partiti. Attenti dunque a questi ultimi. Casini ,per esempio, potrebbe appoggiare un governo istituzionale affinchè non si vari una simile legge. DUNQUE ANDIAMO SUBITO ALLE URNE! La spunteremmo senza dubbio noialtri e senza rischio di governabilità giacchè sono tantissimi gli italiani delusi da quest'ultima maggioranza e non ci sarebbe nessun 50-50 anche con la legge elttorale attualmente vigente. Il partito democratico che non vuole le elezioni subito ccon la scusa di una necessità di evitare un vuoto teme solo una terribile perdita di consensi. Che si voti, che si voti al più presto e che si voti la destra!
ciao walio, il tuo amico, mericano!

devilmind ha detto...

Grazie per il tuo contributo Mericà!Sei sempre un grande!

Antonio Bello ha detto...

Risposta a commenti su Elicus Blog:

http://elicusblog.wordpress.com/2008/01/25/vergogna-italia/#comment-106

Ciao Ragazzi, se posso, permettetemi di tirarvi un poco su con il morale...
Capisco che per tutti coloro che, come Voi o alcuni di voi, avevano piena fiducia in questo governo appena crollato, vuoi per ideologie politiche vuoi per una semplice simpatia verso l'ormai ex primo ministro, ma credetemi quando si tocca il fondo non si può far altro che risalire. Pertanto trovandomi nei vostri stessi panni, in quanto come Voi sono un cittadino italiano anche se posso avere preferenze politiche differenti, guardando il futuro posso certamente esprimere con fermezza che l'Italia con un governo diverso non può che risalire dopo aver toccato il fondo con il "crollo di un Governo" che sin dall'inizio, come riferisce sul mio Blog il mio caro amico "Mericano" (https://www.blogger.com/comment.g?blogID=776209546033824101&postID=2840177293646593945) " si reggeva con i cerotti ed ha voluto subire l'onda di un tentativo estremo di rimanere attaccato alla poltrona mediante l'acquisto last minute di qualche senatore venduto"...Magari questa risalita che vedo io non sarà tutta rose e fiori e sicuramente trattandosi di "politici italiani" ci saranno cose che verranno sicuramente condivise e cose che non lo saranno affatto, ma sicuramente non vivremo nemmeno 1 mese uguale a ciascuno di questi 20 mesi di questo ormai fallito e tramontato governo Prodi.
Siate Sereni e non siate così pessimisti.
Un abbraccio,
Antonio

Elicus ha detto...

Non mi dilungo, pero' io credo di stare con i piedi per terra. Non e' affatto bello che un governo cada. Indipendentemente che esso sia di sinistra o di destra. E' un qualcosa che ci deve far veramente riflettere. Pensiamoci bene, pensiamo all'attuale legge elettorale, e guardiamoci dentro. Ma davvero dobbiamo essere rappresentati da questi "vecchi"? Da questi falliti che in fondo pensano solo ai loro di interessi? Come si puo' pensare ad uno sviluppo industriale ed economico se al giorno d'oggi non abbiamo un Governo? Io penso che oggi e' un giorno in cui dovremmo essere tristi e non dire "finalmente" e' caduto un governo, ma dire "purtroppo"! Ogni volta che la macchina dello Stato si ferma ci fermiamo tutti noi, che vi piaccia o meno, che ne siamo consapevoli o meno.

Saluti,
Elio.

Anonimo ha detto...

La verità è il declino dell'italia è una tendenza costante la cui rotta non si è mai invertità a prescindere dai governi di destra o di sinistra che si susseguono.
L'inettitudine è l'incapacità di questi nostri politici ormai vecchi e incapaci di poter risolvere le problematiche del nuovo millennio in una societa dell'informazione rappresenta la provo che solo un ricambio generazionale dell'intera classe dirigente italiana, sia in contesto pubblico che aziendale potrà fornire lo slancio e la forza per tornare a crescere ed essere un paese competitivo nel contesto dell'economia globale.
Il punto focale è il giovane che in Italia si trova ai margine delle organizzazioni, impossibilitatà a poter fornire la spinta propulsiva e l'entusiasmo che sono quando si è giovani si puo' avere.
Una società che è guidata solo da vecchi, una società nella quale devi essere over 50 per poter occupare una posizione importante è una società che morirà.
Una cultura basata sull'eccellenza, sul merito è necessaria. Che è più bravo deve occupare le posizioni più alte nella scala del potere in modo tale da rappresentare una guida, un punto di riferimento e non una palla al piede..................
Se si continuerà a consegnare il paese ai vecchi siamo finiti e la catastrofe è ormai imminente.

Noi giovani dobbiamo prendere il TIMONE e mandare in pensione gli INETTI.

Anonimo ha detto...

E' aggiungo: DOBBIAMO SVEGLIARCI E AGIRE INVECE DI LAMENTARCI SEMPRE E' NON FARE UN CAxxx DI CONCRETO PER CAMBIARE LE COSE. MA SI DEVE FARE IN MASSA.

Il futuro è il nostro, non dobbiamo permettere che dei vecchi moribondi ci portino nell'oblio prima del tempo.

News dai Blog amici