sta caricando...

Guardatevi intorno.

Osservate le persone nella vostra vita.Guardate i cambiamenti in voi stessi.

Il mondo non è forse un po’ cambiato rispetto a com’era giusto pochi anni, pochi mesi, o addirittura poche settimane fa? Tutto sembra andare così velocemente che è difficile stare al passo. Qualcosa sta sicuramente accadendo nel mondo, qualcosa di misterioso ed inspiegabile. Potreste anche esserne spaventati a morte. Vedete disastri atmosferici, devastazioni ecologiche, la violenza nella società, il ridicolo nei mass-media.

Siete anche consapevoli che c’è più di uno sparuto numero di convincenti profeti che hanno profetizzato un certa apocalisse per questo periodo, e continuano a farlo.

E quando le grandi catastrofi non arrivano in un determinato momento, allora le spostano semplicemente un po’ più avanti. E più previsioni richiedete loro, più disperati vi sentite, dato che non c’è nessuna pentola d’oro alla fine del loro “arcobaleno”.

Così, per conservare un po’ di sanità mentale, ignorate e screditate spontaneamente quello che vi viene detto, continuando a pianificare il futuro come se niente stesse per accadere. È veramente l’unico modo per andare avanti nella vita quotidiana?


David Wilcock




martedì 3 giugno 2008

Napule

Napule, 'na parola bella ca me fa sentì fiero de essere napulitano.
Napule, 'a cchiù belle de tutte 'e cartulline.

Mmò co core 'mmano,feruta a morte e co 'nu filo 'e voce,
tu Napule me addimanne ajuto, ma je ca pozzo fa pe' te ajutà,
je sto murenno cu'ttico.

Ma quccheruno addà sta 'nto a 'stu munno pe' 'nce ajutà,
quaccherunno ca stenne 'na mano pe' nun ce faji a ffunno e sarvà
sta cartullina ca è stata sempe 'a cchiù bella bannera de felicità.

Tu Napule c'he fatto 'ntennere a 'o munno sano comme se campa e
comme se fà a murì,senza mai patì.

Napule 'na parola bella, doce pur sul quanno se prenuncia.
E si è vero c'he murì, voglio murì pur'je 'nziem cu'ttico.Napule mia.


Peppe Bello

5 commenti:

Anna Lisa ha detto...

Bella questa poesia ma come sempre devo dire la mia:) purtroppo Napoli sta morendo è vero..o meglio sta attraversando un brutto periodo ma la colpa è nostra che cerchiamo aiuto come sempre dagli altri anche nella poesia si legge ma quccheruno adda sta nto stu munno pe nce aiuta..questo è il nostro problema..ci mettiamo nei guai cerchiamo di rimandare a domani quello che si potrebbe fare oggi...e purtroppo il domani arriva e ci devasta..qualcuno c'è per aiutarci e siamo noi stessi che dobbiamo dire No a tutto ciò che è illecito e dobbiamo rimboccarci le mani e dire Napoli è nostra e siamo noi che dobbiamo curarla e fara restare per sempre la cartolina che nel mondo tutti ammirano!In bocca al lupo Napoli!

Elicus ha detto...

Ciao Antonio e soprattutto Annalisa.
Ho letto il tuo post e non posso che essere d'accordo.
Bisogna autarsi da soli, partendo dalla nostra umilta' e dalla nostra forza di animo. Come dice il proverbio "aiutati che il Signore ti aiuta". Il senso e' un po' quello.

Saluti a tutti.

Anna Lisa ha detto...

we Elio ...sn contenta che per una volta siamo d'accordo ma del resto Napoli è nostra e non poteva essere diversamente!Ciao e a presto!

Elicus ha detto...

Eh eh ... infatti.
We' e poi dovevo rifarmi altrimenti pensavi che le mie opinioni fossere appositamente contro le tue :)))))

Comuqnue abbiamo spesso parlato di politica quando abbiamo usato bazooka e mitra, poi mi sembra di non aver fatto ricorso ad armi sul resto.

E poi siamo d'accordo su Tonino... non credi? Altrimenti io non lo avrei come amico e tu come marito..ops... scusa, come fidanzato. A proposito, quando vi sposate?

Antonio Bello ha detto...

Vedo che Zio ha scritto una bella poesia che lascia parlare...
Visto che per la prima volta vi leggo d'accordo non posso altro che aggiungermi ai vostri commenti dicendo che condivido a pieno le vostre idee, anche se mi viene da dire: come vogliamo salvare Napoli se prima "NOI" scappiamo da lì?

News dai Blog amici